• Home
  •  > Notizie
  •  > Sorpasso azzardato col furgone che centra una moto: morti in Istria due turisti italiani

Sorpasso azzardato col furgone che centra una moto: morti in Istria due turisti italiani

L'impatto frontale è stato terrificante tanto che l'uomo alla guida è deceduto all'istante, mentre la donna che viaggiava con lui ha riportato ferite gravissime: il suo cuore ha cessato di battere dopo poche ore

Tragedia della strada in Istria, vittime due motociclisti residenti in Veneto che hanno perduto la vita sul segmento viario tra Pisino e Mompaderno (Baderna). Due morti originate dal sorpasso azzardato effettuato dal conducente di un furgone, che è stato poi denunciato penalmente. Le persone decedute sono Michele Polesello, 46 anni, nato a Pordenone ma residente a lungo a Oderzo, e di recente trasferitosi a Jesolo; e Lara Bisson, classe 1983, residente a Noventa Vicentina.

L’incidente si è verificato l’altro ieri. Come ha fatto sapere la polizia istriana, il guidatore del furgone targato Fiume, un uomo di 58 anni, procedendo in direzione Mompaderno ha iniziato a sorpassare alcuni veicoli su un tratto di strada pieno di curve e con visibilità ridotta, violando il segnale di divieto di sorpasso e lo spartitraffico continuo. Proprio nel momento in cui il camioncino in fase di sorpasso stava invadendo la corsia sinistra, in direzione opposta è sopraggiunta la due ruote Bmw dei turisti veneti. L’impatto frontale è stato terrificante. Polesello, alla guida della moto, è deceduto all’istante. La donna che viaggiava assieme a lui ha riportato ferite gravissime: è stata subito trasportata a sirene spiegate all’ospedale di Pola dove è giunta in condizioni disperate, tanto che è spirata la sera dello stesso giorno.

Non è stato possibile sapere ieri se i due fossero alloggiati in Istria, ed eventualmente in quale località. Il conducente del furgone è stato intanto denunciato per aver provocato un incidente stradale con esito letale.

Con quest’ultimo incidente sale a 12 il numero delle vittime che si sono registrate sulla rete viaria istriana dall’inizio dell’anno a questa parte, di cui quattro sono i motociclisti.

Pubblicato su Il Piccolo