• Home
  •  > Notizie
  •  > Il mondo del commercio di Gorizia piange Boris Skocaj: aveva 75 anni

Il mondo del commercio di Gorizia piange Boris Skocaj: aveva 75 anni

Il suo nome era legato al settore delle profumerie. Persona cordiale e molto competente, amava la “sua” Gorizia

GORIZIA Il comparto commerciale della città piange la scomparsa, all’età di 75 anni, di Boris Skocaj. Una figura conosciuta e stimata che ha contrassegnato un lunga stagione di attività. Goriziano tutto d’un pezzo, da giovane aprì il suo primo negozio, specializzato nella vendita di parrucche, in corso Italia dove attualmente è ubicata l’orologeria Cronomarket.

Ma nello stesso tempo Boris si sentiva spronato ad allargare la sua attenzione e la sua conoscenza verso altri prodotti in particolare quelli di profumeria. Era attratto dalla loro freschezza ed inimitabile fragranza, tanto da cambiare totalmente il suo genere di vendita aprendo la famosa “Profumeria Boris”. Essa era collocata quasi adiacente al suo primo negozio nei locali della storica drogheria “Doro” che molti goriziani, non più tanto giovani, ricordano molto bene. Un negozio, quello di Boris, di alta qualità che era diventato punto di riferimento per l’intera città. Era frequentato da una numerosa e affezionata clientela, non solo goriziana ma di tutta la regione e dalla vicina Slovenia. Clientela che Boris con la sua innata signorilità e gentilezza sapeva assecondare nel migliore dei modi. Oltre che conoscere perfettamente la lingua slovena, Boris sapeva trasmettere fiducia e certezza dei suoi prodotti per cui gli acquirenti si sentivano completamente appagati dalla bontà dell’acquisto. Il modo di presentarsi di Boris era sempre corretto, elegante e sobrio e si identificava perfettamente con le specialità di vendita del negozio. Era un vero gentiluomo.

Nel tempo, la sua notorietà si allargava sempre di più tanto da indurlo ad aprire un secondo negozio nel primo tratto di corso Italia, nei pressi della rivendita di giornali ”Mascalchin”, con il nome “Boris Club”. Negozio gestito dalla moglie Lidia, che gli è stata sempre vicino con tutta l’intensità del suo amore ed affetto, e dalla figlia Roberta. Una terza raffinata profumeria l’aveva successivamente aperta al centro di Grado.

Boris amava immensamente la “sua” Gorizia così come amava stare in compagnia con i suoi amici più stretti che si trovavano spesso nel giardino della sua abitazione per passare alcuni momenti di aggregante cordialità. Boris, con la sua adorata consorte, aveva celebrato felicemente il suo 54° anniversario di matrimonio. Un’altra passione che la coppia piaceva coltivare sono stati i viaggi per visitare gran parte dei continenti.

Tutti coloro che lo hanno conosciuto e stimato si ritroveranno ora per dargli l’ultimo saluto nel ricordo di una persona piena di umanità che ha saputo amare il suo lavoro con il suo esempio, con il suo impegno e con la saggezza dei suoi più nobili sentimenti arricchiti da una profonda condivisione di fede. Lascia in eredità alla famiglia un grande valore: la serenità. Lo piangono la moglie Lidia e la figlia Roberta con il marito Fabio. La cerimonia funebre con l’urna delle ceneri verrà officiata in chiesa con data da definire.

Pubblicato su Il Piccolo