• Home
  •  > Notizie
  •  > Le chiavi ritrovate vicino al corpo rinvenuto a Taipana sono dell’alloggio di Oreste Manera

Le chiavi ritrovate vicino al corpo rinvenuto a Taipana sono dell’alloggio di Oreste Manera

Il 66enne è stato ritrovato morto in un canalone. Per i funerali si attende il nulla osta della magistratura. Un acero ricorderà il gradese

GRADO. È di Oreste Manera il corpo trovato domenica 8 maggio in un canalone a Taipana. Dopo i vestiti compatibili, altri due elementi sgombrano i possibili dubbi.

L’altra sera sono arrivati a Grado i carabinieri della stazione di Cividale per verificare se le chiavi, rinvenute accanto al corpo dell’uomo, fossero effettivamente quelle dell’abitazione del gradese. Ad attenderli all’esterno del condominio c’era un’amica di famiglia, che aveva una copia di riserva delle stesse chiavi. Solo alla vista delle chiavi che hanno una forma particolare – come spiegato dall’amica di famiglia – si è capito subito come fossero identiche, poi i carabinieri le hanno utilizzate per aprire regolarmente la porta d’ingresso dell’appartamento di Città Giardino. È stata l’ulteriore conferma di quanto già stato ipotizzato.

Il corpo dell’uomo trovato in zona Platischis è, pur se mancano le conferme ufficiali, quelle di Oreste Manera, 66 anni, scomparso ai primi di marzo, due mesi e mezzo fa, il che fa capire in quale stato i cacciatori abbiano rinvenuto il corpo. Una prima ipotesi che si trattasse del gradese era emersa quasi subito, poiché sono state trovate anche le chiavi di un’auto. L’altro scomparso a Taipana, un udinese sparito nel nulla poco tempo dopo Manera, non poteva essere in possesso delle chiavi della sua auto poiché le aveva la moglie, che lo stava attendendo in macchina. Poi i capelli grigi, il cinturino dell’orologio, le scarpe. .. Tutto portava al gradese e le chiavi di casa hanno chiuso il cerchio.

L’ex dipendente comunale negli ultimi anni si è occupato con molta diligenza, competenza e cura della Valle Cavanata. E proprio per questo gli amici dell’isola hanno deciso di porre a dimora un albero per ricordarlo. Il Comune di Grado ha così rilasciato in questi giorni l’autorizzazione e, nelle prossime giornate, un bell’albero di acero sarà ubicato nei pressi della foresteria della Valle Cavanata proprio per ricordare Oreste. La prima intenzione era stata quella di mettere a dimora un ciliegio ma non ne è stato trovato uno idoneo. Ecco così la scelta dell’acero che, alla presenza degli amici, gli addetti comunali metteranno a dimora.

I funerali di Manera dovranno comunque attendere il nulla osta della magistratura che potrebbe chiedere ulteriori conferme (autopsia, dna). Bisogna attendere il via libera.

«Si attende l’autorizzazione del magistrato – spiega il sindaco di Taipana, Alan Cecutti – poiché quanto è rimasto dei vestiti e quant’altro è stato trovato, dicono che si tratta proprio di Manera». Ma come potrebbe aver perso la vita il gradese? Stando alla ricostruzione del sindaco Cecutti si sarebbe addentrato lungo un sentiero dove solitamente non ci va nessuno, nelle vicinanze delle cascate che voleva visitare in località Ponte Vittorio, in zona Platischis, al confine con la Slovenia. Precisamente in una zona tra le sorgenti del Natisone e dietro Platischis. Il ritrovamento del corpo da parte dei cacciatori, insomma, è stata una casualità dopo che le ricerche non avevano avuto esito.

Pubblicato su Il Piccolo