• Home
  •  > Notizie
  •  > Il mare restituisce il corpo del barista triestino scomparso in Istria

Il mare restituisce il corpo del barista triestino scomparso in Istria

Giuliano Codan ritrovato senza vita vicino a Parenzo dopo giorni di ricerche. Ipotesi malore durante una nuotata. Disposta l’autopsia

PARENZO La speranza si è spenta giovedì scorso, poco prima delle 15, quando il mare di Santa Marina, nella zona di Torre (Tar), località istriana tra Parenzo e Cittanova ha restituito un corpo senza vita. Le successive verifiche hanno confermato che si tratta proprio del corpo di Giuliano Codan, il 58enne triestino disperso da domenica scorsa, dopo aver detto alla moglie che sarebbe andato a fare una nuotata.



La polizia croata ha comunicato ufficialmente nel primo pomeriggio di ieri il ritrovamento del corpo, che è stato trasportato al Dipartimento di Patologia dell’ospedale di Pola per l’autopsia, su disposizione del locale Procuratore generale. Le indagini ora dovranno chiarire il motivo per cui Codan è deceduto, se si è trattato cioè di un malore mentre stava nuotando, se le correnti molto forti nella zona hanno causato qualche mulinello che lo ha portato sott’acqua o se può essere stato coinvolto qualche mezzo “esterno”, come un motoscafo: questa, al momento, è ritenuta comunque l’ipotesi meno probabile.



Codan era il gestore del bar Vecchia Università in largo Papa Giovanni XXIII. Domenica scorsa intorno alle 15, per l’appunto, aveva salutato la moglie con cui era andato in Istria per un po’ di relax ed era andato a nuotare proprio nella zona di Santa Marina, una località vicina al campeggio Solaris. La donna, non vedendolo rientrare, in serata si era recata dalla polizia di Parenzo a denunciarne la scomparsa. Subito erano partite le ricerche, con la Guardia costiera in prima linea a patugliare per diversi giorni lo spazio acqueo della penisola istriana.


Codan era nato a Parenzo il 27 febbraio del 1961, aveva la doppia cittadinanza italiana e croata e conosceva bene la zona. Le operazioni di ricerca sono state coordinate dalla Polizia istriana e sono state seguite sul posto, oltre che dalla moglie, anche dai due figli. Da lunedì il bar di Trieste è stato chiuso. In tanti, tra chi conosceva Codan, hanno cercato informazioni in questi giorni, in attesa di una buona notizia che purtroppo, alla fine, non è arrivata.—



 

Pubblicato su Il Piccolo