• Home
  •  > Notizie
  •  > Addio al batterista Lorenzo Fonda protagonista del mondo del jazz

Addio al batterista Lorenzo Fonda protagonista del mondo del jazz

IL RICORDO TRIESTE Grande e prematura perdita per la musica triestina. Se n’è andato a soli 47 anni, dopo una breve malattia, il batterista e multipercussionista Lorenzo Fonda, per gli amici...

IL RICORDO

TRIESTE

Grande e prematura perdita per la musica triestina. Se n’è andato a soli 47 anni, dopo una breve malattia, il batterista e multipercussionista Lorenzo Fonda, per gli amici – davvero tantissimi – e i colleghi, Larry. Amato da tutti per la gentilezza che lo ha sempre contraddistinto, alle spalle studi al Nautico, Fonda ha suonato tra gli altri con il chitarrista di Vasco Rossi, Stef Burns e poi con Dean Brown e Lorenzo Pilat, collaborato con numerosissime formazioni locali e si è esibito in trasmissioni tv e a importanti festival, tra cui TriesteLovesJazz e Jazz&Wine of Peace assieme a Simone Blondeau. I funerali si terranno sabato mattina e, con il consenso dei familiari, al termine della cerimonia gli amici vorrebbero dedicargli, come avrebbe voluto, un omaggio musicale.

Grandi attestati di stima e affetto stanno riempiendo già da ieri i social. L’assessore comunale Maurizio Bucci, lui pure batterista, lo ricorda come «un impareggiabile e meraviglioso musicista, un ragazzo umile e gentile, un grande amico». Molto triste Gino Cancelli. «Dal 2000 – ricorda - suonava con la Ragtime Jazz Band e ci legava una profonda amicizia e da ragazzo era stato per un periodo anche mio allievo. Grande musicista, onesto e puntuale fino all’ultimo, era una persona su cui si poteva sempre fare affidamento». Fonda era stato allievo di batteria di Gabriele Centis alla Scuola di Musica 55. «Dotato di grande musicalità, si è sempre dedicato con passione allo studio: molto disponibile ed eclettico, metteva a disposizione la sua capacità di adattarsi a vari generi. Abbiamo avuto il piacere di ospitarlo più volte a TriesteLovesJazz. Lascerà un grande vuoto, non solo professionale». Con Antonello Catanese e Romano Baldassi era colonna del Virutrio. «Il trio non esiste più, senza Larry: mi raccomando, suona avanti lassù, caro amico» posta Catanese. Franco Toro pubblica un video in cui gli dedica un blues. «Resterai sempre qua, sul mio tamburo e nel mio cuore» è la dedica di Benni Alessandro Parlante, cui Fonda aveva “autografato” lo strumento. —



Pubblicato su Il Piccolo