• Home
  •  > Notizie
  •  > Juventina, niente 10 successi di fila La Sangiorgina impone il pareggio

Juventina, niente 10 successi di fila La Sangiorgina impone il pareggio

Finisce 3-3. Avanti con Kerpan e Hoti i goriziani si fanno superare da Bogoni e Cristofoli (2). Nella ripresa il gol finale di Russian. Penalty fallito da Selva

GORIZIA

Succede un po’ di tutto a Sant’Andrea, ma alla fine la Sangiorgina interrompe a quota 9 la striscia di vittorie consecutive della super Juventina di Sepulcri, fermata con uno spettacolare 3-3. Un pari che lascia l’amaro in bocca alla capolista, che ha sprecato occasioni in serie, specie nella seconda metà della ripresa giocata in superiorità numerica.

La partenza della “Juve” era stata da incorniciare, con lo splendido gol siglato da Kevin Kerpan (sinistro al volo a fil di palo su sponda di petto di Cocolet) e dedicato alla signora Ada Pavio Kerpan, mamma del presidente biancorosso Marco e nonna dello stesso numero dieci, appena scomparsa. In sua memoria anche il lutto al braccio dei padroni di casa e un minuto di silenzio in avvio.

La Sangiorgina non ha mai mollato, ma poco prima della mezz’ora ha subito un colpo che poteva essere da ko, con il raddoppio di Hoti, bravo a recuperare una palla sbagliata dalla difesa in uscita, e a bucare Pulvirenti per il 2-0. Qui la Juventina ha forse alzato troppo presto le mani dal volante, e così al 32’ è arrivato il gol che ha riaperto il match (tiro di Bogoni deviato da Russian che buca Gregoris dopo 480’ di imbattibilità), e poi dopo il rigore del possibile 3-1 sbagliato da Selva al 38’ (gran parata di Pulvirenti) Cristofoli ha ribaltato tutto in tre minuti. Pareggio con pallonetto mancino al 40’ e sorpasso su rigore al 43’.

Si va così alla ripresa, tutta di marca goriziana. Perché all’11’ è già di nuovo parità, con la deviazione acrobatica di Russian su cross al bacio di Celcer, e all’8’ Selva si divora un gol praticamente a porta vuota. Poi al 17’ i friulani restano in dieci dopo il fallo di Cristofoli su Racca che vale il secondo giallo per l’attaccante, e la sfida diventa un assedio da parte della “Juve”. Non basta però per vincere, visto che prima Hoti (al 44’) e poi Piscopo (clamoroso a due passi dalla porta al 45’) non trovano la via del gol per un soffio. La decima vittoria di fila sfuma così. —

Pubblicato su Il Piccolo