• Home
  •  > Notizie
  •  > Morto a 87 anni Silvio Cumpeta fine politico e uomo di cultura

Morto a 87 anni Silvio Cumpeta fine politico e uomo di cultura

Lutto nel mondo della scuola e della politica per la scomparsa, all'età di 87 anni, del professor Silvio Cumpeta. È stato presidente della Provincia per due mandati dall’80 all’88.

Laureato in filosofia è stato per una lunga stagione stimato docente di italiano nelle scuole superiori del monfalconese. Per un periodo di oltre due anni, aveva ricoperto pure la carica di preside del neo costituito Istituto tecnico autonomo per ragionieri “Einaudi” ubicato a Panzano, per poi ritornare all’insegnamento che egli tanto amava. Contemporaneamente aveva coltivato la sua passione di sempre che è stata quella di conosciuto autore di poesie. Lavori che da lui raccolti in diversi libri pubblicati incontrando sempre l’incondizionato apprezzamento di critica e di pubblico. Altrettanto prestigiosi rimangono i suoi scritti letterari che trovavano poi pubblicazione in riviste di alta specializzazione.

Ma è soprattutto nel campo della politica che l’impronta operativa di Silvio Cumpeta si è contrassegnata con altrettanta competenza e professionalità. Era un vecchio militante del Psi la cui iscrizione al partito risaliva sin dagli inizi degli anni ‘60.

L'assessorato all’istruzione ed ai problemi giovanili durante i due mandati della presidenza Cumpeta, era ricoperto da Maria Ferletič che lo ricorda con grande rimpianto e profondo rispetto. Era un uomo semplice, alla mano, disponibile e generoso con tutti che non si tirava mai indietro di fronte alle numerose problematiche che venivano affrontate. Una persona aperta al dialogo, cordiale e piena di umanità. Tra l’altro aveva approvato a pieno titolo la riforma Basaglia che ha rivoluzionato tutto il settore terapeutico della psichiatria.

Maria Ferletič non ha mai dimenticato il suo determinante aiuto dato come Provincia per prospettare ai ministeri romani di tenere in urgente considerazione le richieste delle scuole superiori del monfalconese.

Infatti, per questo motivo, Cumpeta e la Ferletič avevano appositamente programmato una trasferta a Roma prendendo preventivamente opportuni contatti con i diversi direttori generali dei ministeri culminati con successo trovando completamente risoluzione a tutte le richieste presentate. Altrettanto impegno e costante attenzione il presidente aveva riservato pure nell’affrontare i tanti aspetti e problematiche della comunità slovena. La sua opera di esperto tessitore e moderatore si era rivelata vincente arrivando anche qui alle positive risoluzioni dei tanti punti riguardanti la cultura.

Con il decesso di Silvio Cumpeta, il Goriziano e il Monfalconese perdono una figura di alto prestigio che lui ha saputo tenere sempre alto, onorando la sua carica di sapiente amministratore con il suo esempio, la sua serietà ed il suo profondo rigore morale. Per espresso desiderio della famiglia, i funerali si svolgeranno in forma strettamente privata. —

Pubblicato su Il Piccolo