• Home
  •  > Notizie
  •  > Morto il pescatore Maran lavorò a Capo Verde

Morto il pescatore Maran lavorò a Capo Verde

lutto

È deceduto a 88 anni Bruno Maran, un vecchio pescatore gradese, uno degli ultimi dell’antica famiglia dei “Serenoti”.

Maran era da qualche tempo ricoverato all’ospedale di Monfalcone dove è morto a seguito di arresto cardiaco.

L’intensa vita lavorativa di Bruno Maran è sempre stata legata al mare ma non solamente quello del golfo di Trieste dove ha pescato a bordo, anche come armatore, delle cosiddette “barche zale” (pescherecci di un tempo che sul fasciame avevano dipinto una striscia gialla),

Maran ha operato, infatti, anche in oceano Atlantico e in particolar modo nella zona di Capo Verde, a bordo di un grande peschereccio di un armatore triestino.

Bruno lascia la moglie Caterina, i figli Mariagrazia e Gianni, l’artista che non ha mai voluto seguire il papà nella sua attività ma che ha come soggetto delle sue opere proprio il pesce, il genero Roberto, i nipoti, i pronipoti, il fratello, i parenti e tanti conoscenti. I funerali saranno celebrati questa mattina, alle 11 nella patriarcale basilica di Sant’Eufemia muovendo alle 10.45 dalla cappella del locale cimitero di Valle Le Cove dove la salma sarà esposta dalle 9.30. —

AN.BO.

Pubblicato su Il Piccolo